Dettagli opera: CONFESSIONE DI UN TEPPISTA

Di seguito i dettagli dell'opera selezionata. Si può procedere al download dal link presente al termine della scheda

Autore:
ESENIN SERGEJ ALEKSANDROVIC
Titolo:
CONFESSIONE DI UN TEPPISTA
Edito da:
PASSIGLI
Anno di edizione:
2015
Genere:
POESIA
Formato di registrazione:
DAISY
Codice isbn:
8836810314
Durata:
305 minuti
Dimensione file:
125727605
Lettura eseguita da:
D'ANNA ELENA
Livello di lettura:
PRIMO LIVELLO

Risguardo di copertina

Nato nel 1895 nella regione di Rjazan', Esenin cominciò prestissimo a scrivere, pubblicando poesie in giornali di provincia. Prima a Mosca, poi a Pietroburgo, si legò a poeti come Blok e Kljuev, ed a quest'ultimo in particolare, che condivideva con lui l'origine contadina. Rispettivamente del 1916 e del 1918 sono le prime due raccolte, "Festa dei defunti" e "Azzurrità". Un anno più tardi fu tra i fondatori, insieme a Mariengof e Sersenevic, della nuova scuola poetica degli "immaginisti". È in quegli anni, che la fama di Esenin cresce, al punto da poter arrivare a competere con l'altro astro nascente della nuova poesia russa, Vladimir Majakovskij. Al 1921 appartengono il poemetto "Pugacév" - forse la sua opera più vicina alla poetica degli "immaginisti"- e la raccolta "Confessione di un teppista"; del 1924 è "Mosca delle bettole". Con gli anni si approfondiva tuttavia il suo disagio esistenziale. Con alle spalle una rivoluzione nella sostanza mai amata né compresa e, davanti a sé, il costante e consapevolmente utopico desiderio di un ritorno alle origini, alla sua Rus' natale e contadina, Esenin scontava il dramma della sua solitudine, della sua "estraneità". A nulla valsero la fama letteraria, i tre matrimoni, fra i quali quello "scandaloso" con la celebre stella della danza Isadora Duncan, il viaggio con lei prima in Germania e poi negli Stati Uniti, soltanto tappe di una vita di vagabondaggio teso ormai vorticosamente verso il suo epilogo più tragico.

Centro nazionale del libro parlato Francesco Fratta

Via Borgognona 38 - 00187 Roma